martedì 24 gennaio 2012

Italy, Y U NO USE OPEN DATA FORMATS?



Oggi voglio parlarvi di una piccolissima incoerenza del nostro caro paese. La minuscola contraddizione di cui voglio parlare è un buffo comportamento di uno stato che ha incentivato l'utilizzo delle tecnologie proprietarie (Microsoft ha fatto affari con la nostra pubblica amministrazione, non è un mistero), invece che diffondere la cultura dell'open source anche in vista di un risparmio nel costo delle licenze.

In teoria una pubblica amministrazione, dato che è pubblica, non dovrebbe impedire ai cittadini di visualizzare file importanti solo perchè sono in formato proprietario.
Immaginate ora in che formato è il file "Elenco indirizzi sperimentali", recuperabile sul sito del MIUR, nel post relativo alle materie della seconda prova dell'esame di maturità del 2012: ovviamente un bellissimo xlsx, ovvero un formato proprietario, scritto con Office 2010!



Perchè una pubblica amministrazione di un paese civile, occidentale e tra le maggiori potenze economiche mondiali non utilizza dati aperti? Perchè non incentiva l'utilizzo di software open source? Anche senza costringere tutti i dipendenti statali ad utilizzare OpenOffice, ma almeno bisognerebbe pensare al fatto che i cittadini non hanno molti soldi da spendere nell'ultima suite Office o non sono aggiornati sul cambiamento dei formati nelle suite da ufficio, lasciando Office 2003 sul proprio PC.

Ci sono varie soluzioni, me ne vengono in mente 2:
  1. Office 2010 ha integrato un sistema di generazione e di apertura di file a formato aperto.
    Basterebbe dire ai dipendenti di rilasciare sia il file in formato proprietario (per esempio xlsx) sia in formato aperto (ods)
  2. Basterebbe caricare sul sito i file in formato Office 2003 (per esempio xls) anzichè quelli di Office 2007-2010 per garantire a tutti gli utilizzatori l'accesso al file, senza dover scaricare OpenOffice o l'ultima versione di Office
Allora, Italia, quando comincerai a renderti conto che non tutti utilizzano l'ultima versione di un software proprietario o non tutti utilizzano Windows?