mercoledì 28 marzo 2012

BlueStacks beta-1: prime impressioni


Ciao, oggi sono venuto a conoscenza del progetto BlueStacks e mi sono fatto passare l'installer per poterlo provare (sebbene si potesse provare la beta semplicemente andando sul sito http://bluestacks.com/).

Cos'è BlueStacks? Questo progetto si pone come un emulatore per PC di applicazioni Android. In pratica con questo progetto sarà possibile scaricare sul proprio computer applicazioni nate per girare su Android.
Si possono anche sincronizzare le applicazioni già installate sul proprio smartphone Android, in modo da poterle utilizzare anche sul PC, utilizzando un'apposita app disponibile su Google Play (il fu Android Market).

Le applicazioni girano molto bene, per quello che ho potuto provare, senza grossi problemi di lag o crash. Mi sembra un emulatore molto ben curato ed ottimizzato. Eppoi, vuoi mettere la soddisfazione di provare Angry Birds Space senza avere uno smartphone Android? :D

Una nota di demerito è necessaria: io odio dal profondo del cuore i widget sullo schermo, soprattutto posizionati nella parte superiore dello schermo.
Sì, appena si installa BlueStacks si ha un fastidiosissimo widget utilizzabile per accedere più velocemente alle applicazioni BlueStacks. Nella posizione in cui è adesso, dà decisamente fastidio, soprattutto se si considera che è sempre in primo piano, andando (per esempio) a sovrapporsi alle tab di Firefox rendendo ingestibile l'utilizzo del browser (o di altre applicazioni).
Inoltre bisogna segnalare che questo progetto è in beta pubblica, ma solo fino a quando non si arriva alla release finale, che sarà a pagamento.

Questo sotto è un esempio di applicazione funzionante su BlueStacks. In questo caso stiamo utilizzando Arity per fare un pò di matematica :D
Test di utilizzo di Arity, emulato su BlueStacks, plot della funzione gaussiana con M=1 e varianza=0.25
A quanto ho potuto vedere con un limitatissimo utilizzo, è un progetto partito bene, che con l'aiuto di una buona base di utenti, tester e sviluppatori può trasformarsi in un'idea decisamente interessante. Spero che continui su questa strada!
A breve potrebbero esserci nuovi aggiornamenti, stay updated!

martedì 6 marzo 2012

Recensione CAS: Wolfram|Alpha

Per il ciclo delle recensioni CAS, oggi parlerò di Wolfram|Alpha, il grandioso answer engine della Wolfram Research.

Wolfram|Alpha è una web application, disponibile quindi su ogni sistema operativo con qualunque browser che supporti JavaScript e (non necessariamente) HTML5.
Essendo un answer engine, non è semplicemente un aiuto per il calcolo come ad esempio Microsoft Mathematics.
Questo software si distingue dagli altri per molte qualità:
  • Comandi free-form language
  • Ampio database su molti tipi di dati
  • Molto veloce nell'esecuzione di query complesse
Comandi free-form language: non c'è una rigidità sintattica nei comandi da far eseguire al motore per poter ottenere i risultati. Questo permette di ottenere la solita risposta in più modi: dire "find real roots of f(x)=3x+5" (trova le soluzioni reali della funzione f(x)3x+5) è uguale a scrivere "solve f(x)=3x+5 over the reals" (risolvi f(x)=3x+5 nell'insieme dei numeri reali), che a sua volta è uguale a "3x+5=0": la forma non è un problema, la risposta sarà sempre x=(-5/3).

Ampio database su moltissimi dati: se vuoi saperne di più sul tuo gatto persiano o sul tuo cane preferito basta chiederlo! Puoi fare per dati finanziari come PIL e valore delle azioni, conoscere i film vincitori di premi Oscar, avere statistiche sulla popolazione (per ora solo americana),  conoscere il 134325esimo numero primo... ecco, questa enorme quantità di dati disponibili in maniera così semplice è una delle componenti del successo di questo motore, che non è quindi legato alla semplice matematica ma permette di rendere computabili una marea di dati che altrimenti non sarebbe stato possibile ottenere.

Alta velocità nell'esecuzione di query complesse: questa qualità è frutto di un prodotto scalabile e di una grande quantità di unità di calcolo a disposizione sia per gli utenti dell'interfaccia web sia per gli sviluppatori esterni. Il core di Wolfram|Alpha è stato scritto utilizzando Mathematica, il software CAS sviluppato da Stephen Wolfram e dalla Wolfram Research, che è ottimizzato per sfruttare al meglio l'hardware dove il programma gira.

Chi lo utilizza?
Secondo un articolo del New York Times, l'assistente vocale di Apple genera il 25% del traffico sui server di Wolfram|Alpha. Un altro utente importante è Microsoft, che ha avviato nel 2009 una collaborazione con Wolfram Research per inserire i risultati di WA all'interno dei risultati del motore Bing.

Come utilizzarlo per la matematica?
Ci sono una marea di esempi nel cheat sheet, di cui molti sono decisamente utili. In generale basta scrivere in inglese -o in linguaggio matematico- che cosa si vuol ottenere e Wolfram|Alpha ti darà velocemente il risultato.
Alcuni possibili richieste sono elencate qui sotto 
  • per graficare una funzione basterà scrivere plot f(x)
  • per ottenere il limite di una funzione bisogna scrivere lim x->valore f(x)
  • per ottenere il dominio di una funzione si può scrivere domain of f(x)
Ovviamente non ci sono solo queste richieste, potete fare tutte le richieste che volete, a partire dagli esempi nel cheat sheet: bisogna provare, testare, verificare, provare...

Ah, dimenticavo: sono disponibili diverse applicazioni mobile in grado di sfruttare le capacità di Wolfram|Alpha, create appositamente per uno specifico campo della conoscenza, per iPhone/iPad e Android. La pecca è che queste applicazioni sono a pagamento (per Android, ovviamente si trova l'apk craccato ma non so come ottenerlo nè come installarlo)

Tenersi aggiornati
Vi consiglio di seguire @WolframFunFacts per essere aggiornati su interessanti (e spesso divertenti) fatti trovati utilizzando Wolfram|Alpha. Ah, e ovviamente non ti perdere i prossimi articoli sul blog!

Stay tuned!